Home / News / CACCIA. ENPA a Galletti: inaccettabile il piano gestione lupo

CACCIA. ENPA a Galletti: inaccettabile il piano gestione lupo

(DIRE) Roma, 11 feb. – “Invitiamo il Ministro dell’Ambiente Galletti ad abbandonare quella parte ‘Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia’, che preveda la possibilità di autorizzare inutili uccisioni di lupi, specie particolarmente protetta ma, ciononostante, sempre più a rischio per il bracconaggio”. Cosi’ l’Enpa al titolare del dicastero dell’Ambiente dove è in discussione il Piano contestato dalla Protezione Animali e dalle altre associazioni animaliste e ambientaliste. “Non c’è alcuna reale e sensata motivazione che giustifichi una presunta ‘necessita” di uccidere i lupi. Neanche sotto il profilo dei danni al comparto zootecnico, i quali- spiega Andrea Brutti, dell’Ufficio Fauna Selvatica di Enpa- sarebbero causati dalla predazione ad opera dei cani di proprietà di pastori e cacciatori, i quali vengono abbandonati a loro stessi sul territorio, senza alcun controllo e senza alcuna cura da parte dei proprietari e oltretutto liberi di riprodursi alimentando la piaga del randagismo. Il modo per risolvere il problema esiste già e consiste da un lato nell’applicazione delle norme sul randagismo e nei controlli sulla detenzione dei cani, dall’altro nella gestione consapevole e responsabile degli animali allevati. I quali, come suggerisce il buon senso, non dovrebbero mai essere lasciati in balia di possibili predatori, soprattutto di notte”. Invece di andare in cerca di una vittima sacrificale, si obblighino pastori e allevatori, magari prevedendo adeguate forme di incentivazione e di sostegno, a vigilare sui loro animali ad applicare tutte quelle misure di prevenzione che esistono e che già danno ottimi risultati. Si proceda con controlli rigorosi sulla detenzione dei cani e con adeguate campagne di sterilizzazione; misure semplici, proposte da tanto tempo ma che qualcuno si ostina a non voler applicare. “I lupi appartengono a una specie rara e protetta dalle leggi italiane e dalle direttive Comunitarie; quale Ministro dell’Ambiente ne autorizzerebbe mai l’uccisione?”, conclude Brutti.
Così in un comunicato l’Enpa.

admin

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

FROSINONE – cerca URGENTEMENTE uno stallo – AIUTATECI!!!!!!!!!!!!!!

Simil bretoncina in strada ha partorito 5 cuccioli. Lei è giovanissima, questo ...