Home / News / GREENPEACE. L’ENPA all’ambasciatore della Russia in Italia: gli attivisti non sono pirati. Stop alle trivellazioni nell’Artico

GREENPEACE. L’ENPA all’ambasciatore della Russia in Italia: gli attivisti non sono pirati. Stop alle trivellazioni nell’Artico

«La pirateria è un reato che implica violenza; per gli attivisti della Arctic Sunrise questa accusa è infamante e priva di fondamento. I pirati infatti attaccano navi mercantili disarmate e inoffensive uccidendo, ferendo e sequestrando (per ottenere un riscatto) i membri degli equipaggi. Un’organizzazione quale Greenpeace, che fa della non violenza e del pacifismo la propria ragione di essere, non può in alcun modo essere accusata di tale reato.»
E’ quanto scrive la presidente dell’Enpa, Carla Rocchi, in una lettera inviata all’ambasciatore e plenipotenziario straordinario della Federazione Russa in Italia relativa al sequestro della nave Arctic Sunrise ed all’arresto dei trenta attivisti che ne componevano l’equipaggio.
Una lettera con la quale la presidente Rocchi chiede al rappresentante diplomatico della Federazione Russa di intercedere presso le autorità del proprio governo per ottenere la liberazione degli attivisti ed il rilascio dell’imbarcazione. Rocchi ha inoltre esortato le autorità russe ad interrompere la politica di trivellazioni nell’Artico – alla base della protesta di Greenpeace – poiché la continua estrazione di materie prima in quella regione ne sta compromettendo in modo irreversibile il preziosissimo ecosistema. Con grave danno non solo per la Russia, ma per l’intero pianeta.

admin

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

FROSINONE – cerca URGENTEMENTE uno stallo – AIUTATECI!!!!!!!!!!!!!!

Simil bretoncina in strada ha partorito 5 cuccioli. Lei è giovanissima, questo ...