Home / News / Il CANE LIBERO ACCUDITO… familiarmente il cane di quartiere

Il CANE LIBERO ACCUDITO… familiarmente il cane di quartiere

Dopo la “Adozione a Distanza” oggi vi parlo di un’altra figura poco nota ai cittadini: il “Cane Libero Accudito”.

In un mondo perfetto i cani senza la fortuna di un’adozione vivrebbero LIBERI, non esisterebbero “carcerati a vita” nelle gabbie dei canili, sarebbero sterilizzati per controllarne la sovrappopolazione, e il suolo delle città vedrebbe uomini e “cani liberi”, condividere le proprie vite con un rapporto di tolleranza. Purtroppo non è così nella maggior parte dei casi. L’uomo si è arrogato il diritto di riservarsi uno spazio urbano in cui non c’è posto per gli animali randagi che sono scacciati o prelevati e portati in strutture detentive.

Esiste però un modo per tutelare giuridicamente i cani senza padrone e per gestire civilmente il randagismo. E’ stata creata nel comune di Roma la figura del CLA, acronimo per Cane Libero Accudito, per tutti quei cani che siano cresciuti in una precisa località, diventando capaci di interagire con gli abitanti del proprio contesto abitativo, fino ad essere accettati dalla comunità “umana”.

Questo è l’esempio di Gaspare, nato nella zona limitrofa al cimitero di Fiumicino, cresciuto per sette anni col rispetto dei cittadini della sua zona, i quali si preoccupano di accudirlo con cibo e sostegno medico. Soprattutto questi cittadini gli permettono di vivere LIBERO e con dignità la propria vita. L’11 Ottobre Gaspare è stato rimesso sul territorio, dopo le cure presso il canile comunale di Roma per la comparsa di alcune cisti. Oggi Gaspare è il primo (e non sarà l’ultimo) Cane Libero Accudito del comune di Fiumicino, anche grazie a Daniela Poggi, assessore alla Cultura e Diritti degli animali del Comune di Fiumicino, che si è occupata personalmente di seguirne il caso.

Giuridicamente il comune di Roma riconosce e promuove la figura del CLA Cane Libero Accudito purché il cane risponda a determinati requisiti.

Il cane deve essere:

  1. Accudito dai cittadini o associazioni che ne garantiscono il sostentamento.
  2. Sterilizzato e vaccinato
  3. Iscritto all’anagrafe canina in nome dell’Ufficio Diritti Animali o del cittadino o dell’associazione animalista che lo vuole registrare.
  4. Munito di microchip
  5. Dotato di collare e medaglietta con dicitura: “Cane Libero Accudito” con i dati del cittadino o associazione che abitualmente se ne prende cura.

I doveri del cittadino che chiede il riconoscimento del CLA sono:

  1. Acqua e cibo
  2. Riparo
  3. Libertà
  4. Informare l’ UDA ‐Ufficio Diritti Animali‐ della città di appartenenza in caso di smarrimento, problemi sanitari, incidenti, morte.

Il cane è seguito nella sua vita a titolo gratuito dal servizio veterinario della zona cui fa riferimento (che si occupa a proprie spese anche di vaccinazione, microchip e sterilizzazione). Giuridicamente il cane è seguito sempre in maniera gratuita dal comune di appartenenza.

Per il riconoscimento di un Cane Libero Accudito nel comune di Roma, scaricare il modulo UDA dal sito: www.utba.roma.it
Per altre informazioni: Canile Comunale di Roma, centralino canile comunale 06‐ 67109550

Roma, quartiere Marconi ‐ La cuccia sul marciapiede, comprata l’anno che nevicò sulla capitale per Romeo e Giulietta, cani di quartiere che appena sterilizzati saranno iscritti all’anagrafe canina come Cani Liberi Accuditi del comune di Roma

Roma, quartiere Marconi ‐ La cuccia sul marciapiede, comprata l’anno che nevicò sulla capitale per Romeo e Giulietta, cani di quartiere che appena sterilizzati saranno iscritti all’anagrafe canina come Cani Liberi Accuditi del comune di Roma.

La coppia di fidanzati è solita passeggiare lungo la pista ciclabile antistante e sono stati avvistati all’università di Roma 3 e fino all’altezza di ponte Milvio. Tornano quasi tutti i giorni per riposarsi in un luogo sicuro e per mangiare, consapevoli delle premurose attenzioni dei negozianti, della signora Iris del palazzo di fronte e dei cittadini di zona che gli portano il cibo.

image004

Dal 2006 il comune di Roma ha avuto 850 Cani Liberi Accuditi riconosciuti ufficialmente. Oggi sono diventati circa 400 poiché molti nel corso del tempo sono stati adottati in casa, spesso dagli stessi cittadini che li avevano fatti riconoscere come CLA.

Esistono diversi riconoscimenti giuridici simile al Cane Libero Accudito o cane di quartiere nei vari comuni italiani. Informati.

Francesca Mazzara

 

admin

1 Commento

  1. maria luisa businco

    Ciao a tutti! Sono Maria Luisa Businco e vivo a Cagliari. Intorno al 1989, fondai nella mia citta’ un gruppo di sostegno per i nostri cani e gatti Metropolitani, con tanto di logo e decalogo. Non posso quindi che applaudire alla vostra meravigliosa iniziativa! Un forte abbraccio, Maria Luisa Businco

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

FROSINONE – cerca URGENTEMENTE uno stallo – AIUTATECI!!!!!!!!!!!!!!

Simil bretoncina in strada ha partorito 5 cuccioli. Lei è giovanissima, questo ...