Home / News / LAV: Olanda conferma divieto ad allevamenti per pellicce

LAV: Olanda conferma divieto ad allevamenti per pellicce

(DIRE) Roma, 12 nov. – “L’interesse generale è più importante degli interessi dei singoli allevatori di visoni: pesante come un macigno, il pronunciamento dell’autorità giudiziaria olandese si abbatte sull’industria della pellicceria, confermando la fine dell’allevamento di animali allo scopo di ricavarne pellicce.

È questa la decisione finale della Corte di Appello olandese sul contenzioso avviato dagli allevatori contro il Governo dell’Aja dopo che, nel dicembre 2012, il Parlamento approvò la legge che metteva al bando questa forma di allevamento (Lav era presente nella delegazione internazionale che seguì i lavori del Senato olandese). Il bando entrerà effettivamente in vigore dopo un lungo periodo di transizione che si concluderà nel 2024, e prevede compensazioni economiche per gli allevatori, che erano state ritenute inadeguate nella prima sentenza del 2014, ora ribaltata). Il ricorso contro il bando agli allevamenti di animali per la produzione di pellicce fu intrapreso dagli allevatori stessi contro lo Stato, sulla base del fatto che tale legge avrebbe segnato la fine della loro attività economica, e senza peraltro prevedere un idoneo risarcimento. A nulla è valso anche il richiamo alla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, con riferimento alla proprietà dei cittadini. Nel nuovo pronunciamento, infatti, il lungo periodo di transizione è stato ritenuto sufficiente per consentire agli allevatori di recuperare gli investimenti, assorbendo gli effetti negativi conseguenti all’impossibilità di proseguire nella loro attività.

È inoltre stato anche rappresentato il fatto che è già dal 1999 la possibilità di giungere ad un divieto simile interessa il dibattito parlamentare; ciò, unitamente ad una rilevazione condotta dal Ministero dell’Agricoltura, che ha visto solo il 7% degli olandesi favorevoli a questa forma di allevamento, non poteva non essere tenuto in considerazione dagli allevatori, nel valutare il rischio ad intraprendere un simile investimento. L’Olanda è il quarto Paese allevatore di visoni nel mondo, con una produzione annuale di circa 6 milioni di animali. In Italia, invece, sono circa 150.000 i visoni uccisi ogni anno nei 20 allevamenti ancora attivi.

Così in un comunicato la Lav.

admin

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

FROSINONE – cerca URGENTEMENTE uno stallo – AIUTATECI!!!!!!!!!!!!!!

Simil bretoncina in strada ha partorito 5 cuccioli. Lei è giovanissima, questo ...