Home / News / MEDITERRANEO, LINCEI: EFFETTI TOSSICI SUI PESCI E UMANI CAUSA RISCALDAMENTO GLOBALE

MEDITERRANEO, LINCEI: EFFETTI TOSSICI SUI PESCI E UMANI CAUSA RISCALDAMENTO GLOBALE

A RISCHIO ANZIANI E BAMBINI

Effetti tossici sui pesci e sulla catena alimentare umana. Questo e’ uno degli effetti del cambiamento climatico del nostro mare di cui si e’ discusso all’Accademia dei Lincei in occasione del convegno sulla ‘Gestione sostenibile del Mare Mediterraneo’ che ha affrontato i principali aspetti riguardanti la gestione del Mare Mediterraneo, dai trasporti alla pesca, alle ricerche scientifiche, all’inquinamento, agli aspetti geopolitici e demografici.

A rischio la biodiversita’ e la salute umana – “Il cambiamento climatico mette a rischio la biodiversita’ e causa perduranti effetti nocivi, attraverso la catena trofica acquatica marina, anche sulla specie umana- dichiara Enrico Alleva, accademico dei Lincei- questo colpisce in particolare i soggetti piu’ vulnerabili quali i bambini, gli individui anziani e i portatori di patologie per esempio a carattere neuro-immunitario o nutrizionale”.

Qual e’ la causa – La causa principale “e’ l’evaporazione dovuta al surriscaldamento globale, che sta facendo aumentare in mare la concentrazione di sostanze tossiche che sono assorbite dai pesci e da questi all’uomo nella catena alimentare”, prosegue l’accademico.

Gli effetti del riscaldamento globale – “Le sostanze tossiche assorbite hanno effetti neurologici sui pesci tali che questi perdono parte della capacita’ di difendersi dagli uccelli predatori e si rivolgono per l’alimentazione a specie animali meno mobili come ad esempio vermi, che vivono sul fondale spesso fangoso dove piu’ alta e’ la concentrazione degli elementi tossici”, conclude Alleva.

Please follow and like us:

admin

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

FROSINONE – cerca URGENTEMENTE uno stallo – AIUTATECI!!!!!!!!!!!!!!

Simil bretoncina in strada ha partorito 5 cuccioli. Lei è giovanissima, questo ...