Home / News / MILANO MODA: FLASH MOB ANIMALISTA ALLA SFILATA DI CAVALLI

MILANO MODA: FLASH MOB ANIMALISTA ALLA SFILATA DI CAVALLI

Nella mattina di sabato l’associazione Essere Animali ha messo in scena una protesta simbolica davanti alla sfilata di Cavalli presso l’Arco della Pace.
Molti gli attivisti che si sono gettati a terra a simulare la morte degli animali, mentre altri esponevano cartelli con immagini e un semplice slogan: BASTA PELLICCE

Ogni anno decine di milioni di animali vengono allevati in gabbia e uccisi per trasformarli in pellicce. Di fronte a una crescente sensibilità e con l’85% degli italiani che si dichiara contrario è veramente giunto il momento per chi detta la moda e sfila in queste importanti occasioni di ascoltare questo messaggio di rispetto e abbracciarlo, scegliendo di dire basta alla sofferenza. Si può essere ancora più eleganti se si sceglie di non uccidere”, affermano da Essere Animali

Contatti:

ESSERE ANIMALI
www.essereanimali.org
Mail: info@essereanimali.org
Tel. 342 0509174

L’associazione Essere Animali è promotrice della campagna VISONI LIBERI, per l’abolizione degli allevamenti di animali da pelliccia in Italia, dove ancora 200.000 visoni sono uccisi ogni anno, e ha documentato in prima persona la prigionia e la morte in camere a gas di questi animali.

Recentemente abbiamo realizzato l’investigazione “Morire per una Pelliccia”, con la quale abbiamo documentato la sofferenza dei visoni negli allevamenti italiani, costretti a vivere in gabbie interamente di rete metallica e uccisi nelle camere a gas. Questa pratica andrebbe abolita perché crudele, gli animali non sono a nostra disposizione per la produzione di pellicce e al giorno d’oggi possiamo vestirci senza sfruttarli e ucciderli ed è  ora che anche in Italia si segua l’esempio dei paesi europei che hanno già vietato questa attività”, ribadiscono da Essere Animali

Essere Animali ha documentato per 18 mesi gli allevamenti di visoni italiani, mostrati al pubblico con un filmato-choc chiamato “Morire per una pelliccia” . Vi si vedono animali prigionieri per tutta la vita in gabbie affollate e minuscole. Sono stati documentati casi di numerosi visoni feriti, alla testa, agli occhi e alle zampe, stressati, con comportamenti compulsivi e stereotipati, costretti a vivere anche accanto ai cadaveri dei loro simili.
Queste condizioni di vita sono comunque l’anticamera ad una morte terribile, che sopraggiunge quando i visoni vengono gettati a decine all’interno di un’apposita camera a gas.

admin

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

FROSINONE – cerca URGENTEMENTE uno stallo – AIUTATECI!!!!!!!!!!!!!!

Simil bretoncina in strada ha partorito 5 cuccioli. Lei è giovanissima, questo ...