Home / News / OLEVANO ROMANO. CANI UCCISI IN LITE TRA VICINI, EARTH: NOI PARTE CIVILE

OLEVANO ROMANO. CANI UCCISI IN LITE TRA VICINI, EARTH: NOI PARTE CIVILE

E’ accaduto ad Olevano Romano, in provincia di Roma, nella serata del 16 novembre. I dissapori tra vicini sono sfociati in tragedia e a farne le spese sono stati due cani uccisi a colpi di fucile. I proprietari dei cani, rincasando la sera, si sono trovati dinanzi agli occhi una scena agghiacciante: i loro cani erano a terra in una pozza di sangue. Le indagini svolte dai carabinieri di Olevano Romano, chiamati immediatamente dal proprietario, hanno accertato che a sparare e’ stato il vicino, un uomo di 51 anni che ha confessato la sua colpa. Secondo la ricostruzione i due uomini in passato avevano litigato diverse volte per motivi futili e il proprietario dei cani lo aveva anche denunciato per minacce. L’uomo e’ stato denunciato e i due cani sottoposti ad autopsia dai veterinari della Asl di Arsoli. Earth, associazione nazionale per la tutela giuridica di animali e ambiente, ha assunto la tutela legale dei proprietari dei cani e oltre a costituirsi parte civile nel procedimento giudiziario intende chiedere la pericolosita’ sociale di questi individui che usano armi per uccidere gli animali dei vicini. “Sono situazioni che cominciano a diventare sempre piu’ frequenti- spiega Valentina Coppola, presidente Earth- Non e’ la prima volta che la rabbia nei confronti del vicino viene sfogata uccidendo i suoi animali, ricordiamo il caso di Fiano Romano, febbraio 2016, in cui accadde la stessa identica cosa. Earth richiede pene esemplari per chi si rende colpevole dell’uccisione di animali a fini di vendetta o ritorsione perche’ riteniamo fermamente che rappresentino un pericolo sociale e nonsolo per gli animali”.

Monica Maggi

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

FROSINONE – cerca URGENTEMENTE uno stallo – AIUTATECI!!!!!!!!!!!!!!

Simil bretoncina in strada ha partorito 5 cuccioli. Lei è giovanissima, questo ...