Home / News / WWF: GRAVE ACCANIMENTO SUI LUPI, E’ ATTACCO A LEGALITA’

WWF: GRAVE ACCANIMENTO SUI LUPI, E’ ATTACCO A LEGALITA’

CONDANNARE ATTI BRACCONAGGIO SENZA SCUSE: NIENTE GIUSTIFICA MORTI

(DIRE) Roma, 8 gen. – “La continua registrazione di uccisioni di lupi o ibridi, la scoperta di nuove carcasse e la loro ostentazione in pubblico come si sono registrate nel mese scorso, almeno una decina localizzate in particolare solo nell’area della Maremma toscana, ma altri casi verificatisi in altre parti d’Italia, devono seriamente allarmare e soprattutto scuotere le coscienze di quanti sono chiamati a gestire e a tutelate il patrimonio di fauna selvatica del nostro paese e i suoi delicati equilibri ambientale e che non possono rimanere inermi avanti ad un simile attacco alla legalita’”. Lo denuncia il Wwf in una nota. Nel contesto della Maremma “si e’ arrivati addirittura alla ostentazione pubblica dei corpi dei lupi uccisi, cosi’ come avveniva nel passato- stigmatizza l’associazione- mostrando uno sprezzo per le istituzioni e tralasciando che si trattasse di una manifesta evidente illegalita’: parliamo infatti di una specie particolarmente protetta tutelata da norme comunitarie e nazionali”.

Insomma, “e’ dagli anni 70 che non assistevamo ad un accanimento tanto grave su una specie simbolo- dice Dante Caserta, presidente del Wwf Italia- questi ripetuti atti di bracconaggio sono da condannare sotto qualsiasi aspetto e nessuna situazione, per quanto difficile, puo’ motivarli ne’ tantomeno giustificarli”.

Dopo aver vissuto per decenni sull’orlo dell’estinzione, “il lupo e’ tornato a popolare montagne e vallate grazie agli sforzi di associazioni, istituzioni e mondo della ricerca- spiega Dante Caserta, presidente del Wwf Italia- sebbene questo possa comportare talvolta un’interazione problematica con alcune attivita’ umane quali l’allevamento zootecnico, non vuol dire che la convivenza tra uomo-lupo non sia possibile, come dimostrano i dati e i tanti progetti gia’ realizzati. E’ solo questione di volonta’, politica e amministrativa: la vera sfida si gioca sulle scelte e se l’obiettivo e’ quello di salvaguardare sia gli allevatori sia i lupi, le parole chiave sono ‘prevenzione e corretta gestione dell’allevamento'”.

Ogni altra proposta “non puo’ che essere letta come pretesto per avallare ben altri scopi che non coincidono con la conservazione del patrimonio collettivo”, conclude Caserta.

admin

Lascia un Commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Check Also

FROSINONE – cerca URGENTEMENTE uno stallo – AIUTATECI!!!!!!!!!!!!!!

Simil bretoncina in strada ha partorito 5 cuccioli. Lei è giovanissima, questo ...